Il primo film previsto questa sera, venerdì 8 settembre,  alla rassegna Locarno a Roma è Das Fräulein, una pellicola del 2006, presentata al Locarno Festival quello stesso anno e vincitrice del Pardo d’Oro. Una proiezione che vuole essere un omaggio ai 70 anni della rassegna locarnese, alla quale sarà presente la protagonista Marija Škaricic per portare i suoi saluti al pubblico romano. L’appuntamento è per le 20:30 all’interno dell’arena di Notti di Cinema a Piazza Vittorio.

 

L’opera prima della regista Andrea Staka racconta la storia di Ruža (Mirjana Karanovic), originaria della Serbia, che vive da trent’anni a Zurigo dove gestisce un ristorante self-service. Il lavoro è l’unica sua preoccupazione, il resto non ha importanza, a partire dalle relazioni umane con i colleghi. Tra questi c’è Mila (Ljubica Jovic), sessantenne, che sogna di tornare in Croazia e che con il marito investe da tempo dei soldi con l’obiettivo di edificare laggiù la casa dei suoi sogni. Il consueto tram tram viene sconvolto dall’arrivo della giovane bosniaca Ana (Marija Škaricic).

La seconda pellicola in programma, alle ore 22:15, è il film svizzero Dene wos guet geit (titolo internazionale: Those Who Are Fine), diretto da Cyril Schäublin e premiato a Locarno70 nella sezione Cineasti del presente con la Menzione speciale Opera Prima.

Protagonista della storia è Alice, ragazza che lavora in un call center nella periferia di Zurigo, vendendo abbonamenti internet e prodotti assicurativi agli sconosciuti che rispondono al telefono. Dopo il lavoro vaga per la città, dove tutto sembra funzionare senza intoppi. Ispirata dal suo lavoro, Alice chiama anziane donne solitarie spacciandosi per la loro nipote e chiedendo soldi. Mentre con questo trucco accumula un patrimonio, il film esplora luoghi e persone di Zurigo misteriosamente collegati con le azioni di Alice.

Share Button

© 2016 ANEC Lazio | via Vicenza, 5/a 00185 Roma | P.Iva 04922311008

logo-footer

SOCIAL            / powered by Daniele Pizzichelli